Mondolions

Lions Clubs International
Tema Presidenziale 2014-2015

Presidente

Joe Preston

Un “branco di leoni” (in inglese pride) è un gruppo appartenente alla stessa famiglia,  che vive nella savana dell’Africa centrale. Ogni membro del branco ha delle responsabilità. Sia che si tratti di cacciare, garantire protezione, prendersi cura degli altri, insegnare o imparare, ogni membro del branco ha un compito da svolgere, proprio come in una squadra, per garantire la sopravvivenza e la prosperità del suo gruppo. Se un solo membro del branco non svolge il suo ruolo, l’intero gruppo ne risente.
Esiste poi un altro gruppo di leoni, tanto fiero quanto quello appena descritto. Al contrario dei leoni dell’Africa, però, questi leoni non incutono paura. Al contrario sono ammirati e rispettati. Anche loro formano un gruppo e mostrano di essere abili cacciatori che forniscono nutrimento a chi ne ha bisogno e si prendono cura dei bisogni degli altri gruppi. Questi leoni non si limitano a vivere nelle pianure erbose, il loro territorio raggiunge tutti gli angoli della terra e portano generosità ovunque vadano. Quei leoni siamo noi, 1 milione e 350 mila soci di Lions Clubs International.
Il vocabolario della lingua inglese riporta un altro significato per il termine “Pride” che indica il senso di felicità di un soggetto che scaturisce dalla realizzazione di qualcosa di positivo da parte dello stesso soggetto o di una persona a lui vicina. Non è l’orgoglio del millantatore. E’ piuttosto l’orgoglio che nasce dalla creazione di nuove comunità, dalla realizzazione di opere benefiche e dall’assistenza agli altri.

Multidistretto

I club italiani
... si devono adeguare

Quattro domande sulla disciplina giuridica e statutaria dei nostri club.
Intervista al Presidente Internazionale Emerito Pino Grimaldi e all’Immediato Past Governatore del Distretto 108 Ia3 Renato Dabormida.

1. Qual è il ruolo e l’importanza del modello di statuto consigliato da Oak Brook? 2. I club italiani vi si debbono adeguare? 3. Qual è il ruolo dell’ordinamento italiano e soprattutto della disciplina fiscale in tema di enti non commerciali? 4. Quale ritiene possa essere il futuro della disciplina dei club italiani?

Risponde Pino Grimaldi
Presidente Internazionale 1994-1995

1. Il modello di statuto (standard form) di Lions Clubs International viene dato ad ogni nuovo club perché sia facilitato nel preparare il proprio statuto attenendosi a quanto l’associazione ritiene indispensabile per un club che ha chiesto ed ottenuto di affiliarsi a Lions Clubs International. Esso riporta l’indispensabile statutario e regolamentare per la vita del club ed è adottato sic et simpliciter in tutto il mondo con poche variazioni - in genere aggiunte - per motivi locali.

2. I club italiani, come tutti gli altri, debbono adeguarsi allo standard form tranne che non vogliano variarlo in qualche punto, non essenziale, inviando il nuovo testo prima della adozione ufficiale alla Sede Centrale (Ufficio legale), che ne esamina le variazioni ed ove non in conflitto con la norma generale, lo approva.

Magazine

Service nazionale 2014-2015

HELP
emergenza lavoro  
ludopatia sovra indebitamento e usura

Al 62° Congresso Nazionale del nostro Multidistretto, tenutosi a Vicenza alla fine di maggio, l’Assemblea dei Delegati ha scelto il service nazionale per il 2014/ 2015. Il titolo del service è “Help emergenza lavoro - Ludopatia, sovra indebitamento e usura” e tocca una tematica purtroppo attuale della nostra società: “nello scenario tragico, sterile e deserto della crisi economica e di uno Stato che viene percepito allo stesso tempo tiranno e assente, alto è il grido di aiuto che si leva da chi non ha il bene più prezioso, il lavoro, il fondamento della nostra carta costituzionale”. Di Salvatore Ingrassia *

Le tematiche che il Service Multidistrettuale 2014/2015 dovrà affrontare sono estremamente complesse, apparentemente disomogenee ma sostanzialmente coerenti e legate tutte da un filo sottile che le rende quindi affini: la mancanza o perdita di lavoro, il crollo di una piccola impresa, il trovarsi in uno stato di bisogno, spesso ti conducono tra le braccia di soggetti che ne approfittano: il mondo dei “giochi“ e delle scommesse, il mondo dell’usura, entrambi percepiti come ancora di salvezza.
Per meglio comprendere la valenza e la portata del service, a mio avviso è fondamentale sintetizzare le modalità che hanno portato alla sua scelta. In effetti esso è la sintesi di tre proposte provenienti dalla Sardegna (Help emergenza lavoro), dalla Sicilia e dal Lazio (Ludopatie) e dalla Toscana (Sovraindebitamento e usura); proposte che, a Vicenza, in occasione del “Seminario Tema di Studio e Service Nazionale”, sono state amalgamate in un unico service riconoscendo a ciascuna di esse la valenza sociale degna di essere affrontata a livello multidistrettuale e nello stesso tempo intuendo quel sottile filo logico che le attraversava.

Distretti e dintorni

Le città murate Lions... a congresso

Nei giorni 9, 10 e 11 maggio si è tenuto a Bergamo, a cura del Lions Club Bergamo Le Mura, l’XI Congresso Città Murate Lions sul tema “Incontro con Bergamo, antica città murata”. Presenti circa 200 congressisti appartenenti a 23 club Lions di diverse città italiane, 2 club francesi, 2 club macedoni ed 1 club belga oltre a 11 club della Circoscrizione di Bergamo. Di Paolo Campello

Il congresso, patrocinato dalle istituzioni cittadine e regionali, ha avuto ampia risonanza e visibilità anche in relazione all’iter intrapreso dal Comune di Bergamo per ottenere dall’Unesco il riconoscimento per le Mura Venete di Bene Patrimonio dell’Umanità.
L’evento, ottimamente organizzato dal LC Bergamo Le Mura, con l’apporto di un comitato coordinato dalla referente Luciana Busetti Casati, si è collocato all’interno dell’Associazione Internazionale Città Murate Lions che, nata nel 2003 con l’obiettivo di unire i vari Lions Club che hanno sede in città circondate da antiche mura, è arrivata ad aggregare 81 Lions Club in rappresentanza di 77 città, di 14 nazioni e di oltre 3000 soci.

Grand hotel montegrotto terme
view counter
Dueffe Sport
view counter